Lavoro & Economia
 
Tasso interesse legale
DalAlTassoProvvedimento
01-01-2017
0,1%
D.M. 7 Dicembre 2016
01-01-201631-12-2016
0,2%
D.M. 11 Dicembre 2015
01-01-201531-12-2015
0,5%
D.M. 11 Dicembre 2014
01-01-201431-12-2014
1,0%
D.M. 12 Dicembre 2013
01-01-201231-12-2013
2,5%
D.M. 12 Dicembre 2011
01-01-201131-12-2011
1,5%
D.M. 7 Dicembre 2010
01-01-201031-12-2010
1,0%
D.M. 4 Dicembre 2009
01-01-200831-12-2009
3,0%
D.M. 12 Dicembre 2007
01-01-200431-12-2007
2,5%
D.M. 1 Dicembre 2003
01-01-200231-12-2003
3,0%
D.M. 11 Dicembre 2001
01-01-200131-12-2001
3,5%
D.M. 11 Dicembre 2000
01-01-199931-12-2000
2,5%
D.M. 10 Dicembre 1998
01-01-199731-12-1998
5,0%
L. 23 Dicembre 1996, n. 662
16-12-199031-12-1996
10,0%
L. 26 Novembre 1990, n. 353
21-04-194215-12-1990
5,0%
Art. 1284 codice civile
Il tasso d'interesse legale è il più alto tasso d'interesse permesso dalle leggi nazionali. Estensivamente, è il tasso applicato in contratti dove non c'è stata una pattuizione differente.
L'art. 1284 cod.civ. contiene la previsione che il Ministro del Tesoro abbia annualmente facoltà, con un semplice decreto, di modificare la misura del tasso legale, tenendo conto del rendimento lordo dei titoli di Stato di durata non superiore a dodici mesi e del tasso di inflazione registrato nell'anno. Il decreto deve essere pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana non oltre il 15 dicembre dell'anno precedente a quello cui il saggio si riferisce. Qualora entro il 15 dicembre non sia fissata una nuova misura del saggio, questo rimane invariato per l'anno successivo.
Software per le vertenze di lavoro
a partire da 119 euro